Sale veloce in macchina e rapina gli automobilisti: la Polizia di Stato lo arresta

2' di lettura 16/11/2020 - La Polizia di Stato ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano nei confronti di un cittadino brasiliano di 34 anni, irregolare sul territorio nazionale, indiziato per aver commesso tre rapine ai danni di automobilisti.

Le indagini condotte dagli agenti del Commissariato Bonola sono nate dalle denunce di alcuni automobilisti che, tra maggio ed agosto scorsi, avevano dichiarato di essere stati avvicinati da un uomo, in abiti femminili, che improvvisamente era salito a bordo delle loro vetture per rapinarli con minacce.

Il primo episodio segnalato ai poliziotti di via Falck si era consumato alle ore 03.30 del 24 maggio quando, mentre rientrava in macchina presso la propria abitazione, un 45enne italiano era stato avvicinato in zona QT8 dall'indagato che, salito a bordo della vettura minacciandolo con un coltello "ti buco le gomme", si era fatto prima consegnare 50 euro e poi portare in piazzale Zavattari dove aveva rubato lo smartphone al conducente.

Alle 10.30 del 31 luglio scorso, invece, dopo aver accompagnato un parente presso un istituto di ricovero, un 63enne italiano aveva parcheggiato l'auto in attesa che il suo familiare terminasse la visita e aveva cominciato a leggere un libro, all'interno della vettura, in via Capecelatro. Dopo pochi minuti l'indagato si era avvicinato per chiedere informazioni sul tipo di lettura e, avuta una risposta garbata dal 63enne, era salito a bordo dell'auto. Innervosito per la risposta del conducente che gli intimava di scendere immediatamente perché, in caso contrario, avrebbe chiamato la Polizia, il cittadino brasiliano aveva estratto un coltello dalla borsa e si era fatto consegnare 120 euro prima di scendere e dileguarsi.

L'ultimo episodio contestato, infine, era avvenuto lo scorso 22 agosto alle 00.40: un 51enne italiano era fermo allo stop in via Salmoiraghi quando l'indagato era salito subito a bordo della vettura. L'automobilista l'aveva invitato immediatamente a scendere e, per tutta risposta, l'indagato gli urlava "io non scendo, accompagnami in piazzale Loreto. Sono brasiliano, ho un coltello e non farmi arrabbiare". Dopo essersi fatto portare nel luogo indicato, con la minaccia di un coltello, l'aggressore aveva fatto scendere dall'auto il conducente e si era fatto consegnare 30 euro.

I poliziotti del Commissariato Bonola giovedì lo hanno rintracciato nei pressi di piazzale Segesta e, dopo avergli notificato il provvedimento, lo hanno condotto a San Vittore.






Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2020 alle 10:30 sul giornale del 17 novembre 2020 - 188 letture

In questo articolo si parla di cronaca, milano, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bB9N