Coronavirus: Bruxelles, un piano per il Recovery Fund entro il 6 maggio

3' di lettura 23/04/2020 - Mobilitare oltre 2.000 miliardi attraverso iniziative mirate ma incardinate al bilancio Ue 2021-2027 partendo da una dotazione di circa 1.000 miliardi. Questo l'obiettivo del pacchetto di proposte messe a punto dalla Commissione europea.

Un pacchetto che si aggiunge ai tre strumenti (Mes, Bei, Sure) per un totale di oltre 500 miliardi. "La Commissione - fa saper il premier Conte - lavorerà in questi giorni per presentare già il prossimo 6 maggio un Recovery Fund che dovrà essere di ampiezza adeguata e dovrà consentire soprattutto ai Paesi più colpiti di proteggere il proprio tessuto socio-economico". "Grandi progressi - aggiunge - impensabili fino a poche settimane fa, all'esito del Consiglio Europeo appena terminato: i 27 Paesi riconoscono la necessità di introdurre uno strumento innovativo, da varare urgentemente, per assicurare una ripresa europea che non lasci indietro nessuno". In una breve dichiarazione dopo il Consiglio europeo il premier Giuseppe Conte ha dichiarato che "l'Italia è in prima fila a chiedere il Recovery Fund. Uno strumento del genere era impensabile fino a adesso e renderà la risposta europea più solida e coordinata". Per la ripresa dalla "crisi economica acuta", "tutti hanno concordato - fa sapere la Cancelliera Merkel - sul fatto che serva un piano congiunturale, o come viene chiamato anche recovery plan o recovery fund". "Voglio dire in modo molto chiaro che una risposta comune del genere è anche nell'interesse tedesco". "La Germania sta bene solo se l'Europa sta bene", ha aggiunto. Angela Merkel ha spiegato che non si è stati ancora tutti d'accordo per ora su come finanziare il Recovery fund, "se con sussidi o prestiti", ha detto, ma una cosa è chiara, e cioè che il fondo sarà collegato al prossimo bilancio europeo per i prossimi sette anni. "C'è solo uno strumento che può portare questa ripresa, ed è il budget Ue legato al Recovery fund", gli "investimenti devono essere anticipati e deve esserci un giusto equilibrio tra sovvenzioni e prestiti", ha detto la presidente della Commissione Ursula von der Leyen al termine del vertice Ue. Secondo von der Leyen il budget è adatto perché "è disegnato per la coesione, la convergenza e i programmi. E gli Stati membri hanno appoggiato questa posizione". La Commissione europea punta a presentare le nuove proposte per il bilancio pluriennale Ue 2021-2027 per "la seconda o la terza settimana di maggio", ha detto la presidente dell'esecutivo europeo Ursula von der Leyen nel corso della conferenza stampa svoltasi al termine del videosummit Ue. Secondo alcune fonti europee, l'esame del nuovo pacchetto potrebbe già avvenire in occasione della riunione del collegio del 6 maggio prossimo. "La Commissione è disposta a esaminare una soluzione ponte" nell'attesa che i leader Ue trovino un accordo sui contenuti del Recovery Fund e "ci sono già alcune idee che potrebbero andare bene". Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, al termine del vertice dei leader Ue. "Abbiamo tempo per lavorare intensamente su una nuova proposta per un nuovo bilancio dell'Ue che comprenda un programma di ripresa, ma siamo disposti a esaminare soluzioni ponte come richiesto da alcuni Stati membri", ha spiegato von der Leyen, sottolineando che "finora, considerando tutte le misure presa dagli Stati membri e dalle istituzioni Ue, sono stati messi in campo 3,3 trilioni di euro".






Questo è un articolo pubblicato il 23-04-2020 alle 22:51 sul giornale del 24 aprile 2020 - 158 letture

In questo articolo si parla di attualità, edoardo diamantini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bkeE