Roma-Milano. Nessuna competizione

2' di lettura 16/01/2009 -

Questa mattina a Roma, in Campidoglio, è stato siglato il protocollo di intesa fra la Capitale e Milano che prevede una collaborazione indirizzata alla promozione internazionale delle due città in vista di Milano Expò 2015.



Il documento è stato firmato dai sindaci delle due città: Gianni Alemanno e Letizia Moratti.

Il sindaco di Milano ha precisato che \"l\'accordo fa parte della promozione complessiva dell\'Expo 2015 che sarà un evento internazionale e nazionale e non solo milanese\".

Letizia Moratti ha già firmato protocolli con diverse città italiane (11 fino ad oggi fra cui Firenze, Palermo, Genova e Trieste).

Verranno valorizzati, hanno spiegato Alemanno e Moratti, eventi culturali, artistici e scientifici che da Roma potranno essere integrati nel circuito di eventi di approfondimento dei temi prescelti per l\'Expò Milano 2015.

Tutti e due i sindaci hanno sottolineato che non c\'è competizione tra le due città. Secondo le stime, hanno ricordato, l\'expo produrrà un fatturato extra pari a 44 miliardi, con un indotto per il turismo calcolato in 540 milioni a Roma e 675 milioni a Milano. A Roma si calcola che saranno 6.500 i nuovi occupati distribuiti nel settore ricettivo (4.300) e della ristorazione (1.400).

E\' prevista anche la promozione del festival del Cinema che sarà inserito nel circuito Expo\'.

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha evidenziato che si tratta di \"un evento non solo milanese ma nazionale\" che costituisce un\'occasione di sviluppo e promozione per la Capitale. Alemanno ha anche sottolineato che sarà \"una grande vetrina della nuova Italia\" capace di lasciare una immagine duratura del nostro Paese nel mondo. Si prevedono infatti più di 120 espositori da tutto il mondo.

I due sindaci hanno parlato anche del futuro di Alitalia. \"Quello che non voglio - dice Letizia Moratti - è una competizione Milano-Roma che non è nell\'interesse del Paese. I due hub, Fiumicino e Malpensa, sono e possono essere complementari. Io lavorerò perché si possano sviluppare entrambi. Mi occuperò di Malpensa e Linate in complementarietà con Fiumicino. Questa è la mia posizione, poi discuteremo con Cai\".
Gianni Alemanno concorda con la Moratti: \"Ribadisco che il Paese deve avere due hub ed è impensabile che sia diversamente. Alla fine credo che non potrà che essere questo l\'esito del piano industriale di Cai\".






Questo è un articolo pubblicato il 16-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 16 gennaio 2009 - 618 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, milano, Cinzia Mazzarini, expo 2015